Giordano Bruno vs Aristotele (Fisica) by Stefano Ulliana

Lo scontro fra la rivoluzione filosofica bruniana e la tradizione neoplatonico-aristotelica. Il caso della "Fisica".

Giordano bruno vs aristotele (fisica)

Questo breve volumetto prosegue l'analisi iniziata a proposito del confronto fra la speculazione bruniana e la metafisica aristotelica. Ora la critica bruniana si appunta sul testo aristotelico della "Fisica", demolendo e disgregando la possibilità che non vi sia un principio ed un movimento infinito. Seguendo ed integrando le riflessioni precedenti, il pensiero di Giordano Bruno conserva l'unitarietà fra momento teoretico e momento pratico, approfondendo la determinazione dell'infinito creativo e doppiamente dialettico.

Genre: PHILOSOPHY / History & Surveys / Renaissance

Secondary Genre: PHILOSOPHY / Metaphysics

Language: Italian

Keywords:

Word Count: 14.000

Sales info:

I don't follow any of my book sales.


Sample text:

Nella serie di dialoghi che compongono l’opera bruniana intitolata De l’Infinito, Universo e mondi il dodicesimo degli argomenti aristotelici esposti dal peripatetico Albertino può venire riferito ad un brano della Fisica aristotelica: precisamente a Fisica, III, 6, 207a 7 (e segg.).[1] L’occasione di questo riferimento può così dare inizio ad una breve serie di raffronti ed osservazioni, che definiscano la relazione di opposizione sussistente fra la dottrina aristotelica e quel ritorno alla speculazione prearistotelica sull’infinito che contraddistingue, come nota originaria e fondamentale, la posizione critica bruniana.

 

OSSERVAZIONI SUL RAPPORTO
FRA LA FISICA ARISTOTELICA E LA POSIZIONE BRUNIANA

 

Se in Aristotele l’apparire del movimento e del cambiamento offre subito la sua finitezza,[2] nell’opera bruniana il movimento esprime invece proprio l’apparire della infinitezza della potenza creativa.[3]

Se in Aristotele la finitezza del movimento e del cambiamento include in se stessa quella relazione oppositiva che consente ogni variazione, l’intento bruniano è subito rivolto all’infinitezza del rapporto fra principio ed effetto. Se nella fisica aristotelica si instaurano subito delle qualità tendenziali distinte ed opposte, nella manifestazione universale del divino – quale è la fisica bruniana – il mostrarsi dell’opposizione resta infinito. Per questo l’Unità bruniana è abissale e consente la pluralità innumerevole dei mondi. Al contrario la fisica aristotelica rinchiude subito l’opposizione all’interno di un mondo – un unico mondo - limitato.


Book translation status:

The book is available for translation into any language except those listed below:

LanguageStatus
Spanish
Already translated. Translated by Marcela Gutiérrez Bravo
Author review:
Ottima traduzione, precisa e corretta.

Would you like to translate this book? Make an offer to the Rights Holder!



  Return